2° FASE l’appuntamento di vendita


Se hai scelto di vendere da solo… durante la visita all’immobile….

Lascia che il compratore scopra da solo le cose che ci sono nella casa.

Non mostrare tutto, lascia che qualcosa sia una sorpresa.

Si prova una bella sensazione se scoprono qualcosa senza immaginare che l’avrebbero trovata. 
Tra l’altro quando cominciano ad esplorare la casa le persone si divertono e quando si divertono si rilassano e sono più sincere nei loro commenti.

Una volta terminato l’appuntamento e la visita alla casa, gli acquirenti ricorderanno di più, la prima e l’ultima impressione che la casa gli ha fatto.

Gli rimarrà più impressa la prima e l’ultima cosa che hanno visto. Perciò all’inizio e alla fine della visita bisogna innanzi tutto mostrare gli ambienti più belli o importanti dell’immobile. 
EVITA di fermarti a parlare nei corridoi stretti, nelle stanze piccole e buie, e vicino ai bagni puzzolenti. 
Lasceresti il ricordo di una casa stretta, piccola, buia, puzzolente eccetera… 
Fai un giro della casa ragionato e utilizza dei criteri per mostrare gli ambienti.

Durante la visita all’immobile, fai attenzione a come occupi lo spazio.

Non entrare nelle stanze insieme ai potenziali compratori, il motivo è semplice: entrando rubi quello spazio che, soprattutto se ti metti al centro della stanza, la fa sembrare più piccola di quello che è in realtà. 
Autorizzali ad entrare nelle stanze ma resta sulla porta. 
Se proprio devi entrare per parlare con loro o per vedere le loro reazioni stai vicino al muro, da una parte, così che loro possano osservare le reali misure della stanza. 
E ricordati che PER capire la vera grandezza di una ambiente devi guardare dagli angoli.

Fornisci informazioni sulla casa, ma non troppe. Evita di spiegare l’appartamento nei minimi dettagli: darai l’impressione di voler spingere l’acquisto perché hai bisogno di vendere. Bisogna evitare di sembrare bisognosi di vendere. E come ti dimostri bisognoso con una persona? Esaltando le bellezze del tuo appartamento; magnificando troppo le caratteristiche. Se ti metti a elogiare troppo la casa, cosa gli comunichi a livello verbale e non verbale? “ti prego, compra”.

Tutte le volte che ti metti a decantare la bellezza del tuo appartamento, stai dicendo: “Ti prego compra, ti prego compra, ti prego compra, ti prego compra”; ebbene sì, è proprio ciò che arriva all’acquirente. E lui cosa farà? cercherà di abbassare l’offerta a prezzi assurdi, perché penserà che hai bisogno di vendere. Un’offerta troppo bassa impedirà ad entrambi di trovare l’accordo e concludere la compravendita.

Scheda dell’immobile

schermata-2016-09-26-alle-20-17-22Al termine di ogni appuntamento di vendita ti consiglio di consegnare all’acquirente una scheda descrittiva del tuo appartamento contenete tutte le caratteristiche della casa. Qui a fianco è rappresentata la scheda descrittiva tipica che io personalmente consegno agli acquirenti dopo la visita all’immobile, naturalmente oltre alla scheda consegno una copia della planimetria e alcune fotografie dell’immobile. Se vuoi, puoi scaricare e compilare gratis la tua scheda cliccando sul link qui sotto:

SCARICA la Scheda Immobile

Sicuramente, le persone che hanno visitato l’immobile, una volta tornate a casa, riguarderanno la piantina e le fotografie che hai lasciato loro e le mostreranno anche ad altri componenti della famiglia; magari controlleranno le misure per stabilire se i loro mobili sono adeguati o meno, inizieranno a valutare se l’arredamento che possiedono può integrarsi o meno con gli ambienti e a fare una stima dell’investimento per l’acquisto, avendo la possibilità di basarsi su qualcosa di concreto piuttosto che su un semplice e confuso ricordo di come è fatta la casa.

ATTENZIONE: Ricordati sempre di inserire nella scheda il tuo nominativo con il recapito telefonico. L’acquirente deve sempre avere subito a disposizione una maniera per rintracciarti.


clicca qui per scaricare il documento word della tua “Scheda Immobile”


clicca qui per accedere alla pagina successiva “3° FASE quanto vale casa tua?”